Visualizzazione post con etichetta macchina. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta macchina. Mostra tutti i post

lunedì 13 marzo 2017

Come andare al supermercato senza passeggino

La verità è che l'improvvisazione è il migliore modo per trovare soluzioni geniali a basso impatto emotivo. Questa frase farraginosa per raccontarvi come abbiamo fatto ad andare in un ipermercato, senza passeggino e con la bimba che si è addormentata durante il percorso in auto. Insomma, nulla di nuovo per chi si muove con una bambina di due anni. Parliamo di un fatto che ci accomuna a tantissimi amici. E' comunque doveroso fare una premessa. Fino ad oggi con Alessandra per le trasferte in auto ci siamo sempre mossi con il passeggino. Abbiamo un modello molto versatile e leggero. Ma quasi sempre, arrivati alla meta, la nostra vivace Rosa Maria non ne ha voluto sapere di salire a bordo e consentire lunghe e serene passeggiate. Nè tantomeno si è addormentata in auto. Tuttavia, in qualche sporadica occasione, abbiamo voluto sfidare il destino: muoverci senza passeggino, confidando in lunghe e movimentate passeggiate ma senza traino appresso. Ovviamente nulla da fare. La nostra cucciola in quelle occasioni si è - quasi scientificamente - addormentata in macchina. E così sono state quattro le soluzioni adottate: 

lunedì 20 febbraio 2017

Il seggiolino per auto, quel dolce tormento per Alessandra

Rosa Maria non ama le costrizioni. Nulla di nuovo per una bimba di due anni. Ma ci sono cose che non si può fare a meno di imporle (perché di questo si tratta). E tra queste il seggiolino in auto. Rosa Maria lo detesta. Solo per sfinimento riusciamo ad averla vinta. Il pianto e la lamentela iniziale è inevitabile. E a pagarne le spese in prima persona è Alessandra. Proviamo in tutti i modi possibili, ma convincerla della bontà della scelta è una impresa impossibile. E' come far capire a Trump quanto sia inutile il muro con il Messico. Premetto che una delle cose che ci siamo rifiutati di fare nel tempo è metterle in mano lo smartphone con i cartoni animati. In un altro post spiegheremo perché. Ci siamo anche posti un problema: e se Rosa Maria, come la mamma, soffrisse l'auto? Ma ci siamo dati una risposta: no. Rosa Maria ha viaggiato anche per diverse ore in auto. Siamo stati a Catania, così come in altri posti di montagna. E in alcune circostanze è stata un'amorevole compagna di viaggio.  In ogni caso abbiamo comunque dei consigli su come potere fare un paio di chilometri in tranquillità :-)
Partiamo dagli accorgimenti.