Follow Us @giovannivillino

Visualizzazione post con etichetta papatumpete. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta papatumpete. Mostra tutti i post

domenica 24 settembre 2017

La prima opera d'arte su tela con mia figlia - VIDEO

19:54 0 Comments

Ci sono passioni che spero possa coltivare anche in futuro. Rosa Maria è una bimba intelligente e vivace. E tra le cose che le piacciono particolarmente c'è la musica. Sì, lo so che ancora è presto per dirlo. Parliamo una bimba di due anni e mezzo. Eppure sentire tua figlia che ti chiede di ascoltare musica e ballare insieme... beh, è una gran bella soddisfazione. Rosa Maria ama poi in modo particolare scrivere (traccia caratteri che ricordano molto l'ebraico) e disegnare. Oggi abbiamo sperimentato insieme la pittura. Armati di pennelli e colori a tempera abbiamo affollato una tela. Ecco il risultato in questo video.  Buona visione


domenica 23 luglio 2017

Le regole di casa nostra

20:35 0 Comments
Una delle mie fissazioni è legata al fatto che più ci circondiamo di cose belle, luminose e allegre, più siamo nelle condizioni di migliorare anche le nostre capacità e qualità. So bene che la vita non è fatta solo di cose belle, luminose e allegre ma cerco con Alessandra, almeno a casa, di costruire un clima positivo che faccia sentire tutti accolti e a proprio agio. Non abbiamo ereditato mobili o componenti di arredo. Abbiamo costruito casa a poco a poco, puntando più al comfort. E ancora mancano tante cose. Ma c'è una cosa che non ci siamo fatti mancare: le regole. Sono contenute in un quadretto, appeso accanto alla porta di ingresso, sul pianerottolo. 

Molti punti di questo elenco li abbiamo presi da uno di quegli stickers in vendita negli ipermercati. Sono frasi e inviti che sentiamo particolarmente vicini per sensibilità e appartenenza. Non sempre riusciamo a mantenere tutti gli impegni. Ma ci proviamo. Ed è già qualcosa :-)

lunedì 13 marzo 2017

Come andare al supermercato senza passeggino

12:45 0 Comments
La verità è che l'improvvisazione è il migliore modo per trovare soluzioni geniali a basso impatto emotivo. Questa frase farraginosa per raccontarvi come abbiamo fatto ad andare in un ipermercato, senza passeggino e con la bimba che si è addormentata durante il percorso in auto. Insomma, nulla di nuovo per chi si muove con una bambina di due anni. Parliamo di un fatto che ci accomuna a tantissimi amici. E' comunque doveroso fare una premessa. Fino ad oggi con Alessandra per le trasferte in auto ci siamo sempre mossi con il passeggino. Abbiamo un modello molto versatile e leggero. Ma quasi sempre, arrivati alla meta, la nostra vivace Rosa Maria non ne ha voluto sapere di salire a bordo e consentire lunghe e serene passeggiate. Nè tantomeno si è addormentata in auto. Tuttavia, in qualche sporadica occasione, abbiamo voluto sfidare il destino: muoverci senza passeggino, confidando in lunghe e movimentate passeggiate ma senza traino appresso. Ovviamente nulla da fare. La nostra cucciola in quelle occasioni si è - quasi scientificamente - addormentata in macchina. E così sono state quattro le soluzioni adottate: 

lunedì 29 agosto 2016

La sorprendente empatia con il papà

18:14 0 Comments
Rosa Maria è nata a dicembre. E quell'anno il periodo natalizio è stato molto freddo. Nonostante ciò, a dieci giorni dalla nascita, complice una giornata di sole, abbiamo portato a spasso la piccola. Ben coperta, sia chiaro. Ma mai troppo. Con Alessandra ci siamo sempre proposti di crescere la bambina evitando ansie ed eccessive apprensioni. E circondarla, nei limiti del possibile, di sorrisi e serenità. Non è roba esclusiva del Mulino bianco. Basta, ogni tanto, prendersi poco sul serio. E ogni discussione futile dopo qualche minuto svanisce. Soprattutto abbiamo cercato di fare tutto insieme. Ci siamo ritrovati con la bimba nelle situazioni più disparate. Perché ogni cosa in questa vita può essere spiegata e affrontata senza particolari angosce o timori
Una cosa che mi ha sempre lasciato piacevolmente sorpreso è la splendida empatia che si è venuta a creare tra noi tre. Dimensione strana e surreale. Che cresce giorno dopo giorno. In pratica ho sperimentato una sorta di telepatia. Il freddo, il caldo, il fastidio, la rabbia, il mal di pancino, la cacca, il pannolino sporco... ecco è come se tutto venisse comunicato attraverso un linguaggio diverso. Come se una sorta di sesto senso ci rendesse capaci, all'improvviso, di mettere in comune sensazioni e volontà. Con Rosa Maria ho parlato sin dai primi giorni di vita, ho cercato di interagire con il suo sguardo, giocando con le sue mani, seguendo i suoi movimenti. I dotti, i medici e i sapienti mi diranno che il piccolo comprende ben poco di tutto questo. Ma vi assicuro che la sensazione di parlarsi comunque è straordinaria. Oggi con Rosa Maria, che parlotta e pronuncia bene le prime paroline, basta uno sguardo o un movimento per comprendere tanto.

martedì 23 agosto 2016

Cucine giocattolo, unboxing e montaggio

20:05 0 Comments
Oggi Rosa Maria ha festeggiato il suo onomastico. Le abbiamo regalato una piccola cucina prodotta in Francia da Ècoiffier. E' dotata di forno, lavandino con rubinetto e piastre (pensa un po'...). Vengono date in dotazione padella, piatti, posate, bicchieri, porta sale e porta pepe. E' un giocattolo consigliato a partire dai 18 mesi di età. Lo abbiamo acquistato a 15 euro da Baby in via del Bersagliere. Ecco il video.

giovedì 11 agosto 2016

La sigla che fa impazzire nostra figlia

11:23 0 Comments

C'è una sigla che fa letteralmente impazzire nostra figlia. E da quando era proprio piccola piccola. Rosa Maria ha iniziato ad interagire prestissimo. Per nostra fortuna non ama alla follia la televisione. Preferisce la musica. Indica spesso il lettore cd e chiede "lalà lalà", che sta per "metti un cd là papà". In tv, invece, segue con attenzione solo Masha e Orso, il Ballettopolo e i titoli di coda di qualsiasi film o serie tv (mistero!). Il resto, dai cartoni animati ai programmi per bimbi, sembra annoiarla. Preferisce giocare con le costruzioni (cliccando qui puoi vedere lo spot a favore dei papà vittime di costruzioni). Eppure in tv c'è una sigla che, anche a distanza di un anno, continua a farla sorridere e gioire. Parlo di Mofy. Non so perché o quali siano i poteri ipnotici di questa canzoncina... ma davanti a questa sigla e queste note Rosa Maria abbandona qualsiasi gioco o "impegno" e rimane imbambolata davanti al monitor con il sorriso stampato sul volto. Ma sia chiaro: solo la sigla. Il cartone animato, di per sé carino, non le piace. E' la sigla e quel "Tutti insieme, tutti insieme lallalà, lallalà... forza Mofy si può far" che Rosa Maria ama. Le parole sono senza dubbio carine: 

venerdì 5 agosto 2016

La neve a Palermo, Rosa Maria a casa

20:39 0 Comments
Rosa Maria è stato il nostro più bel regalo di Natale. E' nata a dicembre. Un mese bellissimo. Ma è stata un'impresa, tra vacanze e uffici a metà servizio, portare tutte le pratiche a termine: dall'Agenzia delle Entrate (sì, è tra i primi assurdi adempimenti) al Comune, fino ad arrivare al Caf... una corsa contro il tempo. Ma ce l'abbiamo fatta. Anche perché tornare tra le mura di casa e trovare quel fagottino ripagava di mille ore in coda e di mille attese inutili agli sportelli.